Contenuto principale

Privacy
Informativa sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano il nostro sito.

 

- Protezione dei dati personali ex D.Lgs. n. 196/2003 e ex Regolamento UE 2016/679 designazione Docenti incaricati

 

- Protezione dei dati personali ex D.Lgs. n. 196/2003 e ex Regolamento UE 2016/679 designazione incaricati struttura operativa: area segreteria - area tecnici

 

- Protezione dei dati personali ex D.Lgs. n. 196/2003 e ex Regolamento UE 2016/679 designazione incaricati struttura operativa: area servizi ausiliari

 

- Protezione dei dati personali ex D.Lgs. n. 196/2003 e ex Regolamento UE 2016/679 designazione Responsabile del trattamento

 

_______________ . _______________

 

- Informativa ex art. 13 D.Lgs. n.196/2003 e ex art. 13 del Regolamento Europeo 2016/679, per il trattamento dei dati personali dei dipendenti

 

- Informativa ex art. 13 D.Lgs. n.196/2003 e ex art. 13 del Regolamento Europeo 2016/679, per il trattamento dei dati personali degli alunni e delle famiglie

 

- Informativa ex art. 13 D.Lgs. n.196/2003 e ex art. 13 del Regolamento Europeo 2016/679, per il trattamento dei dati personali dei fornitori

 

_______________ . _______________

 

- REGISTRO TRATTAMENTI (ex art. 30 Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016 - Trattamento dati personali)

 

- Registro violazione dati personali (data breach)egistro violazione dati personali (data breach)

 

 _______________ . _______________

 

Responsabile Protezione Dati (RPD)

- Determina a contrarre, impegno e affidamento del contratto - “RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DATA PROTECTION OFFICER D.P.O.)”

 

- Atto di designazione del Responsabile della Protezione dei Dati personali (RDP) ai sensi dell’art. 37 del Regolamento UE 2016/679

 

_______________ . _______________

 

Comunicazione RPD al Garante in data 25/05/2018

 

_______________ . _______________

 

 

 

 

Le richieste vanno rivolte a: 

Istituto Di Istruzione Superiore (IIS) “L. Nobili” di Reggio Emilia
Via Makallè, 10 - 42124 Reggio Emilia,
Tel. 0522-921433 - Fax 0522-517268,
Posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Posta elettronica certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Dirigente Scolastico Prof.ssa ELENA GUIDI

file AVCP:

 

Gare 2017

Gare 2016

Gare 2015

Gare 2014

Gare 2013

USR Emilia Romagna > Amministrazione trasparente - Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione per le Istituzioni Scolastiche della Regione Emilia Romagna (link esterno al sito USR Emilia Romagna)

 

Responsabile della prevenzione della corruzione (RCP): Direttore generale USR Emilia Romagna, Dott. Stefano Versari
Referente della prevenzione della corruzione: Dirigente dell'ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia - Ufficio XI (USP), Dott. Antimo Ponticiello

Segreteria e contatti

  • Dirigente dell'ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia - Ufficio XI (USP): Dott. Antimo Ponticiello
  • Via Mazzini, 6 - 42121 Reggio Emilia
  • Recapito telefonico USP: +39 0522 407611 (centralino)
  • E-Mail USP (segreteria)Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • E-Mail Dirigente: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il PTPC per le Istituzioni Scolastiche della Regione Emilia Romagna (link esterno) per il 2016/2018 recita:"il responsabile della prevenzione è individuato nel Direttore dell'Ufficio scolastico regionale" e "Considerato l'ambito territoriale particolarmente esteso, al fine di agevolare il RPC, i dirigenti di ambito territoriale operano quali referenti del RPC", quindi il Dirigente dell'USP è il referente designato.I dirigenti di ambito territoriale operano quali referenti, mentre la responsabilità rimane affidata al Direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale.

 

Direttore Generale USR dell'Emilia Romagna: Dott. Stefano Versari
Recapito telefonico USR: 051 37851 (centralino)
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Compiti del Referente prevenzione corruzione

Fermo restando la piena responsabilità del Responsabile per la prevenzione della corruzione per gli adempimenti che gli competono ai sensi della normativa vigente, i Referenti per la prevenzione della corruzione, per l'area di rispettiva competenza:

  • sono tenuti al rispetto degli obblighi previsti dalla legge anticorruzione e successivi provvedimenti attuativi;
  • svolgono attività informativa nei confronti del responsabile affinché questi abbia elementi e riscontri sull'intera attività ministeriale;
  • coadiuvano il Responsabile per la prevenzione della corruzione nel monitoraggio del rispetto delle previsioni del piano da parte delle strutture e dei dirigenti di afferenza;
  • segnalano al Responsabile per la prevenzione della corruzione ogni esigenza di modifica del piano, in caso di accertate significative violazioni delle prescrizioni ovvero di intervenuti mutamenti nell'operare delle strutture di afferenza;
  • osservano le misure contenute nel PTPC (articolo 1, comma 14, L. 190/2012)
  • sostituiscono il Dirigente Scolastico Responsabile della trasparenza, qualora questi non si pronunci in ordine alla richiesta di accesso civico.

L'accesso civico, introdotto dall'Art. 5 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n. 33, è il diritto di chiunque di richiedere i documenti, le informazioni o i dati, oggetto di pubblicazione obbligatoria secondo le vigenti disposizioni normative, qualora le pubbliche amministrazioni ne abbiano omesso la pubblicazione. La richiesta di accesso civico è gratuita, non deve essere motivata e va presentata al Responsabile della trasparenza, che è il Dirigente Scolastico.

Responsabile della trasparenza: Dirigente Scolastico
Recapito telefonico: 0522/921433
PEO: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (indirizzo unico dell'istituto)

Istanza di Accesso civico

L'Art. 5 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n. 33 ("Decreto Trasparenza"), intitolato "Accesso civico a dati e documenti", contiene le disposizioni qui sintetizzate (articoli e commi, ove non diversamente indicato, si rifericono sempre a questo decreto):

  1. L'obbligo previsto dalla normativa vigente in capo alle pubbliche amministrazioni di pubblicare documenti, informazioni o dati comporta il diritto di chiunque di richiedere i medesimi, nei casi in cui sia stata omessa la loro pubblicazione.
  2. La richiesta di accesso civico non è sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente non deve essere motivata, è gratuita e va presentata al responsabile della trasparenza dell'amministrazione obbligata alla pubblicazione di cui al comma 1, che si pronuncia sulla stessa.
  3. L'amministrazione, entro trenta giorni, procede alla pubblicazione nel sito del documento, dell'informazione o del dato richiesto e lo trasmette contestualmente al richiedente, ovvero comunica al medesimo l'avvenuta pubblicazione, indicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto. Se il documento, l'informazione o il dato richiesti risultano già pubblicati nel rispetto della normativa vigente, l'amministrazione indica al richiedente il relativo collegamento ipertestuale.
  4. Nei casi di ritardo o mancata risposta il richiedente può ricorrere al titolare del potere sostitutivo di cui all'articolo 2, comma 9-bis della Legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, che, verificata la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione, nei termini di cui al comma 9-ter del medesimo articolo, provvede ai sensi del comma 3.
  5. La tutela del diritto di accesso civico è disciplinata dalle disposizioni di cui al Decreto Legislativo 2 luglio 2010, n. 104, così come modificato dal D.Lgs. 33/2013.
  6. La richiesta di accesso civico comporta, da parte del Responsabile della trasparenza, l'obbligo di segnalazione di cui all'articolo 43, comma 5.

 

Che cos'è l'Accesso civico

Il legislatore introduce la nozione di "accesso civico", con la quale si definisce il diritto offerto a chiunque di chiedere ed ottenere le informazioni che dovrebbero essere pubblicate sul sito internet. Questa forma di tutela è assai rafforzata da parte del decreto: è gratuita, non è soggetta a limitazioni di tipo soggettivo, non deve essere motivata e va avanzata al responsabile della trasparenza. Essa deve essere soddisfatta entro 30 giorni, anche tramite la pubblicazione sul sito internet; in caso di mancata risposta positiva può essere attivato l'intervento sostitutivo ed occorre segnalare l'accaduto all'ufficio per i procedimenti disciplinari.  L'accesso civico si differenzia notevolmente dal diritto di accesso finora configurato dalla Legge 241 del 1990. Se ne differenzia per l'oggetto: l'accesso civico si può esercitare solo nei confronti degli atti la cui pubblicazione sia obbligatoria: obbligatorietà che viene richiamata, per ampi settori, dallo stesso Decreto 33/2013 nella seconda parte. Se ne differenzia per la modalità: mentre il diritto di accesso "ordinario"; è sottoposto alla necessità di presentare una domanda motivata che si basi su un interesse qualificato, e al pagamento dei diritti di ricerca e riproduzione (eventuale), il diritto di accesso civico non è sottoposto a limitazione alcuna, ed è completamente gratuito.  

Come presentare l'Istanza di Accesso civico

  1. Scaricare l'apposito modulo: Istanza di Accesso civico;
  2. Compilarlo e scegliere per la consegna una delle seguenti alternative:
  • inviarlo in allegato, via mail, all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (indicando nell'oggetto: "Istanza di accesso civico"), allegando anche la scansione di un documento d'identità valido;
  • stamparlo e presentarlo di persona, in forma cartacea, agli uffici dell'Istituto d'Istruzione Superiore "L. Nobili" via Makallè 10 - 42124 Reggio Emilia (RE), allegando la fotocopia di un documento d'identità valido.

Titolare del potere sostitutivo attivabile nei casi di ritardo o mancata risposta

Dirigente dell'ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia - Ufficio XI (USP):

Dott. Antimo Ponticiello

Recapito telefonico USP: +39 0522 407611 (centralino)
E-Mail USP (segreteria): Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
E-Mail Dirigente: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Strumenti di tutela

Strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione:

  • tentativo di conciliazione;
  • ricorso al giudice ordinario o al TAR.

Il DL 24 giugno 2014 - n. 90, meglio noto come DL Pubblica Amministrazione, all’articolo 52 del CAD prevede la pubblicazione nei siti istituzionali delle Pubbliche Amministrazioni del catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in loro possesso, inclusi i regolamenti che ne disciplinano l’accesso e il riutilizzo. 

 

elenco basi dati formato PDF

 

elenco base dati formato .XLS